Onde impulsive e correttive. Gradi delle onde

Onde impulsive e correttive. Gradi delle onde

Nel nostro primo articolo sulla Teoria delle onde di Elliott, abbiamo visto che ci sono le onde nei mercati. Questa volta, ci concentreremo su uno dei principali pilastri di questa teoria: le onde impulsive e correttive.

Cos’è un’onda impulsiva?

In termini semplici, un’onda impulsiva è un movimento del prezzo nella direzione del trend principale. Ogni onda impulsiva è un passo avanti in un rally. Le onde impulsive sono sempre suddivise in cinque onde più piccole secondo determinate regole.

E le onde correttive?

Come suggerisce il nome, un’onda correttiva si forma dopo un’onda impulsiva. Quindi, durante un trend, le onde impulsive e le onde correttive si formano una dopo l’altra. Mentre un’onda impulsiva è un movimento in avanti, un’onda correttiva è un movimento all’indietro in un trend.

Pattern

Tutti i pattern basate sulla teoria delle onde di Elliott sono composti da onde impulsive e onde correttive.

Le onde impulsive sono:

- Impulso

- Diagonale principale

- Diagonale finale

Le onde correttive sono:

- A Zigzag

- Piatta

- A triangolo

- Doppio / triplo Zigzag

- Doppia / tripla Tre

Ci sono regole e linee guida per ciascuno di questi pattern. Le esamineremo nei prossimi articoli.

Come funziona

Diamo un’occhiata al conteggio effettivo delle onde qui sotto. C'è un rally rialzista in USDTRY e possiamo identificare le onde impulsive e le onde correttive. Come puoi vedere, ci sono tre onde impulsive (in rosso) e due onde correttive (in blu) che formano un pattern chiamiamo “impulso”. C’è un’altra cosa che deve essere menzionata.

1.png

I gradi delle onde

Riesci a vedere le onde più piccole all’interno di ogni onda impulsiva o correttiva nel grafico qui sopra? Come abbiamo visto nell’ultimo articolo, le onde di Elliott funzionano un po’ come una Matrioska. Ciò significa che ogni onda è costruita con onde più piccole e che, simultaneamente, ogni onda fa parte di un’onda più grande.

Quindi, su ogni grafico, puoi vedere onde impulsive e correttive che differiscono nelle loro dimensioni. Se vuoi contare le onde, devi identificare queste onde seguendo alcune regole e linee guida.

Esempio reale

Per capire meglio i gradi dell’onda, dai un’occhiata al grafico qui sotto. C’è un’onda crescente, che ho chiamato ((i)). Dopo questa onda, c'è una correzione verso il basso, l’onda ((ii)). Abbiamo trovato due onde.

2.png 

Tuttavia, all’interno dell’onda ((i)), possiamo vedere alcune onde più piccole di grado inferiore. Allo stesso tempo, ci sono anche onde più piccole all’interno dell’onda ((ii)). Quindi, ora abbiamo identificato onde di due gradi, ma andiamo oltre.

3.png 

Come puoi vedere nel grafico seguente, ci sono anche onde più piccole. Ciò significa che possiamo suddividere ogni onda in onde più piccole fino a raggiungere il timeframe più breve. A volte puoi vedere bellissime onde come nei libri, ma puoi anche trovarne di brutte, specialmente nei timeframe intraday.

4.png

Il “linguaggio” delle onde di Elliott

Hai notato che ci sono diversi modi di chiamare ogni grado di onda nei grafici che abbiamo appena visto? Questo è il conteggio delle onde. Lo usiamo per specificare i gradi dell’onda sul grafico e anche per migliorare la comunicazione tra gli analisti. Se non usi la notazione delle onde, sarà piuttosto difficile spiegare a qualcuno il tuo conteggio delle onde.

Come puoi vedere nella tabella qui sotto, c’è una sequenza di numeri (per le onde impulsive) e lettere (per le onde correttive).

Per le onde impulsive, usiamo serie di tre numeri romani e arabi, che si alternano uno dopo l’altro. Le onde correttive sono etichettate con serie alternate di tre lettere maiuscole e minuscole. Sotto lo stesso grado dell’onda, usiamo numeri romani e lettere minuscole, o numeri arabi e lettere maiuscole.

Dove possiamo trovare le onde?

Ovunque: puoi fare un conteggio delle onde in ogni mercato. Tuttavia, è meglio scegliere i mercati con una buona liquidità per via della natura della teoria delle onde di Elliott. Se proviamo a contarle in un mercato impopolare con molti gap e cattive barre, beh... probabilmente avremo problemi a farlo.

Inoltre, è meglio per i principianti fare affidamento sui mercati in trend piuttosto che su quelli consolidati. Perché? Semplicemente perché se abbiamo un lungo consolidamento, che si sviluppa da molti anni, avremo probabilmente una struttura di correzione piuttosto complessa. Se è così, c’è una buona probabilità di sbagliare, perché più è complicato il conteggio delle onde, maggiore è il rischio.

5.png 

Ultime notizie

C’è qualche speranza per il NZD?

La Reserve Bank della New Zealand pubblicherà la sua dichiarazione sul tasso e il tasso d’interesse ufficiale il 27 marzo alle 3:00 MT.

È prevista volatilità per il CAD

Il Canada rilascerà il livello delle vendite al dettaglio core e l’IPC il 22 marzo alle 14:30 MT. L’IPC rappresenta la variazione nel prezzo di beni e servizi acquistati dai consumatori.

La Banca d’Inghilterra potrebbe supportare la GBP

Il comitato di politica monetaria della Banca d’Inghilterra voterà il livello del tasso di interesse e rilascerà il riepilogo della politica monetaria il 21 marzo alle 14:00 MT.

Deposita con i sistemi di pagamento locali

Richiamata

Un manager vi chiamerà in breve tempo.

Modificare il numero

La vostra richiesta è accettata.

Un manager vi chiamerà in breve tempo.

Errore interno. Si prega di riprovare più tardi

Libro Forex per principianti

Le cose più importanti per iniziare a negoziare
Inserisci la tua email e ti manderemo un Libro Forex per principianti gratuitamente

Grazie!

Abbiamo mandato un link speciale alla tua email.
Clicca sul link per confermare l’email ed ottenere gratis unLibro Forex per principianti per principianti.

Stai utilizzando una versione precedente del tuo browser.

Aggiornalo con l'ultima versione o provane un'altro per godere di un'esperienza di trading più sicura e più produttiva.

Safari Chrome Firefox Opera