Un’introduzione al trading sugli indici

Un’introduzione al trading sugli indici

Dow Jones, FTSE, DAX… sono parole magiche che vedi ogni giorno nei feed delle notizie. I cambiamenti del loro valore causano attacchi di cuore a investitori e trader e incitano i decisori politici ad applicare cambiamenti alla loro economia. Hai mai pensato di fare trading su questi indici e che farlo potrebbe farti incrementare facilmente le tue entrate? Vediamo come funziona.

La definizione di un indice

Un indice azionario è un benchmark che misura la performance del prezzo di diverse azioni (per lo più di grandi dimensioni) quotate su un dato mercato. Il valore di un indice è solitamente descritto in diversi punti. Ogni indice viene calcolato in modo diverso, ma è spesso una media ponderata del valore corrente delle sue azioni. Una società con maggiore capitalizzazione ha un impatto maggiore sul valore dell’indice. A causa della natura composita di un indice, esso riflette la salute del mercato o dell’economia che rappresenta. Quando fai trading sugli indici, non acquisti la proprietà dell’asset che negozi. Invece, negozi le variazioni del prezzo proprio come negozi le valute. Prevedi la direzione del prezzo di un indice, apri una posizione e osservi dove andrà il suo prezzo. Se hai ragione, ci guadagni.

Perché scegliere gli indici anziché azioni singole?

  • Gli indici ti forniranno una panoramica dei mercati internazionali. Quando fai trading sugli indici, capisci le condizioni delle società e le azioni che rappresentano. Ad esempio, quando negozi l’indice FTSE 100, ottieni l’accesso ai movimenti delle più grandi società del Regno Unito.
  • Ti aiuterà a concentrarti sulle azioni specifiche che compongono un indice, invece di essere indeciso tra una vasta gamma di azioni.
  • La sua natura diversificata riduce la possibilità di movimenti del prezzo inaspettati generati da comunicati stampa improvvisi.

Trading sugli indici

Quando si fa trading sugli indici, devono essere presi in considerazione molti fattori.

  1. Prima di tutto, studia le parti che compongono l’indice. Le azioni che compongono un indice appartengono a uno o più settori di mercato? La risposta ti aiuterà a concentrarti sugli aggiornamenti di un settore specifico, che influenzerà il valore di un indice.
  2. Guarda la correlazione tra valute e indici. Gli indici nazionali tendono a correlarsi con le condizioni della valuta di un paese. Ad esempio, il valore degli indici statunitensi aumenta con l’aumento della domanda di dollari USA. Il motivo sono gli investimenti stranieri: poiché i trader investono in azioni statunitensi, devono prima acquistare il dollaro. Ciò porterà ad un aumento del valore degli indici statunitensi.
  3. Determina se esiste una correlazione tra l’indice nazionale e le materie prime di un paese. Ad esempio, se un paese è un esportatore di petrolio, il suo indice aumenterà a causa dei bassi prezzi del greggio. Se un paese importa petrolio (Giappone), il suo indice probabilmente calerà.
  4. Controllare le modifiche dell’indice regolarmente. Le azioni in un indice possono cambiare a causa di capitalizzazione di mercato, fusioni e acquisizioni. Le società più quotate hanno la più grande capitalizzazione. La capitalizzazione di mercato di una società è il valore totale delle sue azioni emesse valutate dal mercato. Un indice è influenzato dai prezzi delle singole azioni delle società. Ad esempio, se la capitalizzazione di mercato di una società declina, le sue azioni potrebbero diventare troppo piccole per rimanere nell’indice. Di conseguenza, una società può essere sostituita da un’altra che ha una capitalizzazione di mercato maggiore. Inoltre, fusioni e acquisizioni possono modificare le azioni quotate in un indice.

Quando cambia una azione di un indice, cambia anche la capitalizzazione, e questo influisce sul valore finale di un indice. Per questo motivo, è necessario prestare attenzione alle modifiche delle quotazioni dell’indice e seguire i rendiconti finanziari e le news delle società che hanno emesso tali azioni.

Quali indici scegliere per il trading?

Dopo aver preso le misure necessarie per scegliere gli indici da negoziare, puoi analizzare i loro grafici sulla piattaforma di trading MT5. FBS ti dà la possibilità di negoziare alcuni degli indici più noti. L’indice del mercato azionario brasiliano (Indice Bovespa, IBOVESPA) è l’indice benchmark di circa 60 azioni quotate sulla borsa brasiliana (B3, Bovespa: BOlsa de Valores do Estado de São Paulo). Le azioni che compongono l’indice rappresentano l’80% del volume negoziato negli ultimi 12 mesi e che sono state negoziate durante almeno l’80% dei giorni di trading. È anche un indicatore della situazione economica del Brasile, visto che la maggior parte delle società quotate sono state fondate nel paese.

Il Financial Times Stock Exchange 100 Index (l’indice FTSE 100, FTSE 100, FTSE, il “Footsie”) è un indice azionario delle 100 società quotate alla London Stock Exchange (LSE) con la più alta capitalizzazione di mercato. Rappresentano circa l’81% della capitalizzazione di mercato totale della LSE. Molte delle società sono internazionali, ma l’indice è considerato un indicatore delle prestazioni dell’economia del Regno Unito. È anche fortemente influenzato dal prezzo della sterlina inglese.

Il DAX (Deutscher Aktienindex - indice azionario tedesco) è un indice azionario composto dalle 30 maggiori società tedesche quotate alla Borsa di Francoforte e con la maggiore capitalizzazione di mercato.

Il Dow Jones Industrial Average Index (DOW, DJ) è un indice azionario composto da 30 grandi società pubbliche con sede negli Stati Uniti. Il termine “industriale” ha un significato storico perché la maggior parte delle 30 società moderne che compongono l’indice non sono legate all’industria pesante. Nonostante la sua origine americana, non è influenzato solo dai dati aziendali, ma anche da notizie mondiali, eventi politici e disastri naturali.

L’Indice HS (HSI) è un benchmark ponderato per la capitalizzazione di mercato che tiene traccia delle performance delle 50 società maggiori del mercato azionario di Hong Kong. È utilizzato come indicatore principale per misurare le condizioni del mercato di Hong Kong. Le azioni incluse nell’indice devono essere tra quelle che generano il 90% della capitalizzazione di mercato totale di tutte le azioni e devono avere una cronologia delle quotazioni di 24 mesi o soddisfare particolari requisiti.

Conclusione

Nonostante i loro numeri elevati e il loro ruolo rappresentativo di un settore economico o di un’economia distinti, gli indici sono più facili da negoziare di quanto non appaiano. Inoltre, fare trading sugli indici ti aiuta anche a tenere traccia delle performance economiche di diversi paesi, cosa di cui puoi approfittare quando negozi le valute.

Simile

Deposita con i sistemi di pagamento locali

Richiamata

Un manager vi chiamerà in breve tempo.

Modificare il numero

La vostra richiesta è accettata.

Un manager vi chiamerà in breve tempo.

Errore interno. Si prega di riprovare più tardi

Libro Forex per principianti

Le cose più importanti per iniziare a negoziare
Inserisci la tua email e ti manderemo un Libro Forex per principianti gratuitamente

Grazie!

Abbiamo mandato un link speciale alla tua email.
Clicca sul link per confermare l’email ed ottenere gratis unLibro Forex per principianti per principianti.

Stai utilizzando una versione precedente del tuo browser.

Aggiornalo con l'ultima versione o provane un'altro per godere di un'esperienza di trading più sicura e più produttiva.

Safari Chrome Firefox Opera